Hipperboli.

Mi Sforzo quel Poco.

È come se Fosse Immangiabile da Sempre.

Mi Avvalgo di Empatia,

Schifandola per Chilometri.

Mancano Grinfie.

Mentre Corrodi di Me.

E Non Ho Intenzione di Rammaricarmi.

Detesto i Discorsi che Scarseggiano fra le Righe.

Poi Mischio.

E Sono nei Guai.

Peggiorando in Fatalità Ereditate.

Telecomando a Sufficienza,

Ma Non Ottengo più di Zero.

Non Sono Abbastanza Hippy per queste Iperboli.

E se Mi Confondessi?

Se Reagissi a questa Aria Madida?

Dovrei forse Sentirmi Più Autoctono.

Non Lasciandoti Mai Allontanarmi.

La Neve se ne Frega di quello che Ha Sotto.

Sconfigge.

E Basta questo.

Resta una Vergogna per l’Acqua Gelata.

Perché un’Infanzia Felice Arriva Sempre Troppo Tardi.

Ma Se ti Chiami Panico,

Dovrei Parlarti.

L’Unica Perfezione Raggiunta È negli Sbagli.

Mi Tocca Trascendere la Situazione.

Credi Veramente di Perderci tu?

Fra questi Innesti?

Penso ad Ogni Giudice del Sottoscritto.

Ad Ogni Whisky che Contrasta Incapace.

La Confidenza Crea Gomitoli.

Come un Miracolo nei C’Era una Volta.

In un Mondo Cinghiale,

Avrà Modo di Avverarsi.

 

 

Advertisements

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s