Bisestile.

Vorrei Essere Sciabola che Pende dai Colli.

Crimini di Loro Stessi.

Come un Disegno Attempato in Balere.

E mi Appassiono ad Hobby Drastici.

Sciapo di Oceano, Non mi Vedrei.

Mi Assedio in un Tuffo a Divano.

Nelle Crepe da Decubito.

E le Fessure attorno alle Nostre Porte,

Arrugginiscono Miseri Sentori.

Vorrei Escogitarci in Luna Calante.

Come Vulcani di Nessuno.

Di Diapason Lungimiranti.

Amo se fa Male un po’.

E ci Spezziamo in Sorrisi Virili.

La Morte di un Eroe Non Costa Niente.

Ci si Spende Più di quanto ci si Può Spandere.

E Non è un Inguine Genuino.

È una Mitosi Più Mito che Sì.

Pieghiamo a Cigno come per Denigrare,

Arrivando Sempre fra i Lombi.

Le Superflue Conseguenze di quanto ce ne Sbattiamo.

E la Sopravvivenza Non Esiste.

Quando di Solare C’è Solo l’Eritema,

Sulla Cima del Fondo di Noi Stessi.

Decidemmo di Conoscere Tutta la Neve.

Ed Era Il Giorno Bisestile.

Nel Mezzo dell’Io come Lei.

Se Voi foste Meno ce la Farei di Più.

E se Torno Bambino,

poi ci Resto.

 

Advertisements

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s