Zenzero.

E Non poteva Non Esserci una X.

Nell’Incognita più Preziosa.

Potrei Richiamare Tutto quello che Sono,

Vedendoti con il Mare negli Occhi.

Sono Redivivo, lo so.

Ma Ancora una volta Ti Scriverò.

Nella Beatitudine.

In Ogni Cielo che Sei,

Mi Sono Sentito Brezza per un Istante.

E ti Abbraccio di Più di quanto Posso realmente Fare.

Come se fosse Miele,

Non ci Sto Dentro.

Sei.

Ed Io Arriverò con Flanella d’Istinto.

Come Potrei Fare altrimenti?

Di Quelle Parole avrò Sempre Appetito, lo Sai.

E nel Rischio che C’è,

Prova a Saltare.

Ti Prenderò al Volo, Vedrai.

Ma forse Capisci quanto Muoio Vivendo di Più.

E se Pensi, Scoppi.

Mi Sbriciolo nelle Mani.

Volere Essere Ciechi Non Basterà Mai.

Sono Radici Veloci.

È lo Zenzero.

Fra Tutte le Vitamine,

Richiede la Elle.

Non Lasciarmi come Carente nell’Indaco.

Per una Stagione Smisurata,

Ho Esplorato Tutto il Desiderare.

Trovandoti Perpetua.

E su Ponti Interrotti,

Ti Vestirò come la Prima Volta.

Mi Mancherà Sempre la Pioggia dell’Arrivederci.

Gli Sguardi Non si Dimenticano.

 

Per A.

Advertisements

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s