Lanuggine.

E la Televisione che va a Male.

Come Spesso il Pensare Fa.

Mentre fuori stendi la biancheria,

Io potrei Amarti per Davvero.

Perché è così che Siamo Semplici.

Dopotutto.

Vorrei Non sentirmi Mai a Pezzi.

Ma Disegnare di Te.

E Sono Tratti,

dove Non mi Ritrovo a volte.

Ti vedo di Sfuggita.

Guidando Oltre.

E so che Sei Fragile in Me.

Non mi basta Più per Vincere.

Tutto questo Continuo Tuo Stremarmi.

In Mille anni di Te.

E in Fondo a Tutte le Parole, ci Sono Io.

Se questo mi Difende,

Non saprei dirtelo.

Comunicare ora,

Non mi va giù.

Vorrei Tanto avere la Possibilità di Arrendermi.

Dove i Fardelli Non Perdonano.

E Tutti gli Scudi che ho Perso.

Non Potrò Essere Profeta per molto.

Ma combatterò la Malinconia.

La Gelosia.

La Sfiducia.

E forse l’Adolescenza mi Manca.

In queste Lanuggini Interminabili.

Credevo di Aspettarla.

Invece mi Sta sulle Scosse e nelle stesse.

E Lei Fluttua e Lei Non È.

Quindi Fingo.

E Non mi Abito più.

Advertisements

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s