Nodo.

Te Stesso.

E l’Amico Nemico Non ha Fine.

Sei ciò che Sarà quando È.

Ho la Testa Oltre la testa.

In quel Vuoto che Viene.

Albeggiando fra gli Stimoli.

Con la Parsimonia di Essere Debole ancora.

Perché in fondo Non è così.

Mi Copro con la Giusta Ironia.

E anche se fosse, Non lo concederò.

Avvolto nel Bianco.

Mi Schianto di Invidia come Contro di Te.

In quelle Zampe che Non ho.

Poi Tutto Cambia ed Evolve.

E il domani Scorrerà per Sempre.

Leverò i Pensieri Fissi fra le dita.

E Sarai più plastica di Me.

Dove sarò Timido di nuovo.

Ma Vedrò attraverso le Apparenze che Imponi.

Per Sfiducia.

E Immagino mi vedessi Diverso.

Questo Umore è anche Tuo in parte.

Come il Poco spazio che Concedo e che Concedi.

Sembra Tutto così Ripetibile.

Ci si potrebbe Divertire un po’.

Ma sono immensamente Stanco ora.

Ed è Troppo Unto infine.

Annoiarsi per Redimersi.

Crea Nodi in più.

 

 

 

Advertisements

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s