Nonnulla.

Nel mezzo di quelle Dita Intelligenti.

Era il Talento che cercavo da Tempo.

Immemore.

E Inaccettabile.

Quanto Russare ci può essere nel Vacillare?

Incriminando il dormire sul fianco.

D’Abitudine.

Il Viaggio Iniziatico di Tutti gli Abat-Jour.

Le Sette Chiese d’Asia che Non puoi darmi.

Albeggiando sul Grattacielo delle mie Grida.

Gli Alberi.

I quali hanno Tanto bisogno di un Amico.

Dipendono dal fatto che siamo Troppo impegnati.

E le Rocce.

Si credono volentieri Diamanti.

Ogni Granello di Noi Spazzato via.

Finché ancora ci sarà Concesso di avere un Orizzonte.

In Testa al Treno dell’Inquietudine.

Con la Voglia di un Solo Binario alla volta.

Passano le Gallerie delle Tre del Mattino.

Da qualche parte Sarò.

I Cervi.

Cominciano a mangiare la Corteccia.

A Valle.

E l’Innocenza comporta Fatica.

Accordo il Meglio che Ho.

Porto lo Scandalo al Massimo.

È una Sciocchezza in fondo.

Una Mera questione di Privacy.

 

Advertisements

2 thoughts on “Nonnulla.

  1. Penso che potrebbe piacerti emanuel carnevali. Ho pubblicato una sua poesia l altro ieri. Ma ti consiglio vivamente di leggere “l’ultimo dio”. Non so se conosci i massimo volume, ecco loro devono molto a carnevali

    Liked by 1 person

    • Conosco davvero poco dei Massimo Volume purtroppo. Comunque andrò a leggere la poesia che hai pubblicato. E sicuramente non mancherò di informarmi sulla lettura da te consigliata. Ti ringrazio per i consigli 😉 Approfondirò volentieri anche la questione della band.

      Like

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s