Falena.

Non ho mai asserito che se n’è andata per colpa mia.

Per quanto mi senta sfigato.

La Falena che c’è in Me.

Attratta dalla Sua fiamma.

Lo spreco della creatività.

Non ho ricevuto la carezza Tua più ambita.

Il disturbo mai smetterà di creare dubbio.

Piano piano, mi abbandona tutta l’indole di un tempo.

Ieri ero già stanco di Te.

E non mi incanalo più così facilmente.

Siccome ho smesso di ambirti da tempo,

reputo assurdo il ricascarci continuamente.

Non puoi nulla su di Me essendo rivalutata.

Mi riprendo anche l’impossibile.

Di anni di duro lavoro su Me stesso.

Trovandomi semplice dopotutto.

Incessantemente alla ricerca di qualcosa.

Ma umile nel vedermi come uomo.

Ti parcheggio come se fosse per sempre.

Ora sei seria nell’odio che verso di Me provi.

Non ti ho fatto male abbastanza forse.

Ma ho parecchio sale per le tue piaghe.

È che non ti vedo più tra l’Amore e il Senso.

Sono mille volte vecchio nell’Anima.

Mi alleno a spingerti via.

Eri la materia del mio peggior difetto.

 

Advertisements

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s