Scarico.

Acida.

Ti ho sempre desiderata tale.

In parte è anche colpa mia.

Stroboscopica, ed io epilettico.

Danzavi nel centro dell’Io più remoto.

Le perpendicolari più improbabili,

derivano dall’infinito del tuo ammiccare.

Si infrangono sugli scogli del può darsi.

Non ti accontenti mai di un virile Sì.

Pretendi anche quello che il No non osa mostrare.

L’impresa più Eroica, è rimanere in vita.

Stendo i nervi come posso.

Assimilo il circostante.

Non riesco a creare il mio Impero.

L’indomani sarà più glorioso.

E spunto i minuti che mi separano dal bene comune.

La Paranoia nei Sentimenti.

La bilancia del Noi.

L’insieme di detriti, di una famiglia improvvisata.

Nel sifone della mia gola.

Sturami.

E come sempre, Scaricami.

Advertisements

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s