Pensiero II.

È nella profondità dell’Io, che trovo un appiglio per salvarmi. Cercavo un punto dove ancorare i dettagli. Un salvagente intimo, per stare a galla nella banalità.

Perché senza obiettivi, puoi solo naufragare.

Ingenuamente, frodavo me stesso. Aleggiava un inquietante punto di frattura.

Possiedo un Grembo Cosmico di creatività. Mi ci addentro. La sua accoglienza, mi gratifica umilmente.

E non lo bramo mai abbastanza.

Tutte queste settimane. Non danno sosta. Mi annoiavo, ed andavo alla deriva. Si trattava di trovare la mia Comfort-Zone.

E tutta quella caffeina.

Rischiava di stressarsi a sua volta.

Non c’è scampo in questo deserto. La Libido, non ha più lo stesso spazio di manovra. Ti invidio, quando ti sfoghi senza preoccupazioni. Sei la fonte del mio Male migliore. L’elastico attorno alle mie ali.

Tutto quanto risiede in me.

Sai, la bellezza non significa bontà.

Siamo solo navi senza mare.

Pozzi senza fondo.

Lo sfavillio di un attimo.

Advertisements

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s