Cerchio.

Oltre, c’è anche tutto il resto.

Sono a mio agio, quando sono triste più di te.

Enfatizzo le perplessità.

Vaneggio nel concepirle.

Le ombre accentuano l’espressione di lusinga che vorrei nascondere.

Arricchendo l’istinto, mi riconosco.

Assaporo la vendetta che non avrò mai.

E mi concedo un perdono in più.

Non mi esaspero da tanto tempo ormai.

E tutto ciò, fa risplendere la totalità in me.

Di quanto eri bella, quando ti vedevo riflessa.

Il cerchio che ci univa.

Le strade che ci abbracciavano.

E la luna, che ci identificava come tali.

Advertisements

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s